Qualità nella distribuzione

G4-DMA EC G4-DMA PR

L’energia elettrica è fondamentale per lo sviluppo economico e sociale di una comunità, oltre che per la vita quotidiana dei cittadini. In considerazione dei diversi scenari geografici presenti, e in piena coerenza con uno degli impegni presi sugli obiettivi di Sostenibilità dell’agenda 2030 delle Nazioni Unite (“Sustainable Development Goals”), portare energia elettrica nelle zone isolate diventa un obiettivo primario dell’Azienda, attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie e lo sviluppo di specifici progetti di creazione di valore condiviso (si veda il capitolo “Relazioni responsabili con le comunità”). È precisa responsabilità di Enel assicurare una fornitura continua e sicura dell’energia ai sistemi elettrici nazionali dei Paesi in cui opera come distributore. La qualità della fornitura è strettamente legata all’affidabilità e al livello di efficienza dell’infrastruttura di trasmissione e distribuzione, che deve essere in grado di far fronte ai livelli di domanda richiesti. Enel, in coordinamento con gli altri soggetti che a vario titolo operano sulle infrastrutture di rete, realizza continui interventi di sviluppo e di efficientamento della rete di distribuzione.

Rispetto all’infrastruttura esistente, in tutti i Paesi, Enel effettua interventi di manutenzione e di modernizzazione delle reti volti principalmente a ridurre il numero e la durata delle interruzioni del servizio. Gli interventi possono riguardare modifiche nella struttura della rete, sostituzione di componenti delle linee con caratteristiche tecniche non adeguate, aumento del grado di autocontrollo della rete attraverso l’automazione, nonché l’esecuzione di manovre a distanza sulle cabine secondarie. Dal punto di vista delle perdite “commerciali”, l’utilizzo del sistema del “Telegestore”, abbinato al contatore elettronico, ha portato a una maggiore efficacia nei controlli sui bilanci di energia, consentendo al contempo la diminuzione delle frodi. Il “contatore intelligente” è attualmente presente in Italia presso oltre 30 milioni di clienti, mentre in Spagna ne sono già stati installati circa 6,8 milioni. In Romania e Brasile è proseguito il progetto di installazione, che dà un importante contributo al monitoraggio del carico di rete e della sua corretta gestione; a oggi risultano installati circa 310mila contatori in Romania e 745mila in Brasile.

In Brasile, anche nel corso del 2015 è proseguito il progetto Conexão Social – Reta Velha, che si pone l’obiettivo di garantire l’accesso alla rete della comunità locale in una zona disagiata, di combattere le perdite e i furti di energia e incentivare i pagamenti e le pratiche di consumo consapevole. Sull’esempio di quanto fatto in Brasile, nel corso del 2015 è stata definita un’iniziativa similare in Romania, che si propone innanzitutto di esaminare a fondo alcune zone note per le numerose perdite di rete e, quindi, progettare e realizzare interventi sociali su misura per le esigenze della comunità (misure di efficienza energetica, corsi di formazione, imprese sociali ecc.).

Evoluzione Smart Metering

Evoluzione Smart Metering

Uno dei progetti di maggior rilevanza strategica è la sostituzione dell’attuale sistema di Smart Metering con una nuova generazione di contatori, che verranno installati in Italia e poi progressivamente estesi in tutta Europa, per un totale previsto di 32 milioni di contatori installati nei prossimi 4 anni. L’Enel Open Meter, il più avanzato sistema di Smart Metering al mondo, consentirà di migliorare la qualità del servizio diminuendo le perdite di rete, di abilitare nuovi servizi ed essere utilizzato come data-hub in presenza di concentratori.

G4-DMA EC

Prevenzione dalle frodi sulla rete elettrica

Per prevenire le frodi, dalle più semplici a quelle più sofisticate, Enel ha fatto un ulteriore passo in avanti ideando e implementando un nuovo dispositivo elettronico e un processo innovativo di ispezione, che è stato brevettato in Europa, USA e altri Paesi. Grazie a questa innovazione sarà quindi possibile rilevare la presenza di frodi che, sfruttando la nuova e più avanzata tecnologia, risultano più difficili da identificare. Il dispositivo oggi è già in uso in Italia ed è in fase di test per l’utilizzo in altri Paesi.

Enel è interessata a conoscere il giudizio dei propri interlocutori circa i servizi che offre, e realizza indagini per misurarne il grado di soddisfazione. In Italia, attraverso il sistema FOUR (Front Office Unico Rete), i venditori possono inviare le richieste sia di attività per conto dei propri clienti, sia di dati tecnici a fronte di un reclamo da parte di un cliente. I clienti finali, le associazioni dei consumatori, i produttori possono inoltrare segnalazioni scritte attraverso canali dedicati (casella postale 5555 oppure via fax al numero verde 800046674). Lo sviluppo delle “reti intelligenti”, in grado di gestire una forte presenza di generazione distribuita (anche da fonti rinnovabili) e di sfruttare al meglio i sistemi di accumulo e telegestione, permetterà ulteriori e importanti miglioramenti nell’efficienza globale della rete di distribuzione (si veda il capitolo “Open Innovability”).