Acquisti e appalti di beni e servizi

G4-12 G4-13 G4-DMA EC G4-EN32 G4-DMA HR G4-HR4 G4-HR5 G4-HR6 G4-HR10 G4-HR11 G4-HR12 G4-DMA LA G4-LA14 G4-LA15 G4-SO9

Enel affida i contratti di appalto, servizi e forniture nel rispetto della legislazione vigente e dei princípi di economicità, correttezza, concorrenza e pubblicità, utilizzando procedure di approvvigionamento che assicurano alle imprese partecipanti massima trasparenza, obiettività e parità di trattamento. Inoltre, criteri specifici di Sostenibilità sono previsti nell’ambito delle procedure di qualificazione, delle attività di approvvigionamento, delle clausole contrattuali e delle modalità di verifica dell’operato dei fornitori.

Acquisti di materiali e servizi 2015: circa 10 miliardi di euro

Acquisti di materiali e servizi 2015_1

Acquisti di materiali e servizi 2015_2

FORNITORI CON CUI ENEL HA STIPULATO UN NUOVO CONTRATTO NELL’ANNO

FORNITORI QUALIFICATI IN PIÙ RISPETTO AL 2014

ORGANICO IMPRESE DITTE APPALTATRICI

 

G4-12 G4-13 G4-DMA EC G4-EN32 G4-DMA LA G4-LA14 G4-LA15 G4-DMA HR G4-HR4 G4-HR5 G4-HR10 G4-HR11 G4-HR12

Nel corso del 2015 è stato avviato il Progetto Sustainable Supply Chain che, attraverso una stretta collaborazione tra le Funzioni Acquisti e Sostenibilità a livello sia globale sia locale, mira a integrare sempre più i temi ambientali, sociali e di governance nella strategia creando valore condiviso con i fornitori in un’ottica di economia circolare. Elemento chiave è rappresentato dalla omogeneizzazione in tutto il Gruppo dei criteri di selezione, valutazione e monitoraggio dei fornitori dal punto di vista etico ma, soprattutto, in relazione all’impatto sulla società. In particolare, nel corso dell’anno è stato sviluppato un questionario per valutare, in fase di qualificazione, il grado di maturità dei fornitori rispetto ai temi legati all’etica, ai diritti umani e alle pratiche di lavoro, alla Sostenibilità ambientale e anti-corruzione, nonché alla sicurezza sul lavoro.

Fare innovazione insieme ai fornitori per essere sicuri e competitivi

Trovare soluzioni innovative e concrete a precise questioni tecniche con la collaborazione di aziende sia fornitrici sia potenziali futuri partner è stato l’obiettivo del workshop “Innovation by Vendors”, promosso dall’unità di Global Procurement, a cui hanno partecipato circa 25 aziende operanti in diversi settori industriali. Un approccio mai sperimentato prima in Enel sia dal punto di vista della metodologia di trattazione dei temi sia per quanto riguarda l’impostazione dell’evento, fondato su una preziosa collaborazione tra azienda, fornitori esterni e altre realtà industriali. Le aziende hanno prima preso parte a una sessione mattutina di briefing tecnico su tre sfide tecniche rilevanti per la Centrale di Torrevaldaliga Nord, seguita da una visita all’impianto, e successivamente gli è stato richiesto sia di elaborare delle proposte tecnico-economico individuali sia di partecipare in modo attivo e aperto a tavoli di brainstorming. Una commissione interna Enel valuterà le proposte individuali ricevute e le idee emerse, al fine di verificarne la successiva realizzazione. (8 ottobre Centrale di Torrevaldaliga Nord, Italia)

Enel da sempre pone al centro della propria cultura aziendale e dei propri processi produttivi la tutela della salute e della sicurezza e l’integrità psico-fisica delle persone, siano esse dipendenti propri o di appaltatori: per questo motivo Enel si impegna in tutto il proprio perimetro nella diffusione e nel consolidamento della cultura della salute e della sicurezza, incoraggiando l’adozione di comportamenti responsabili, promuovendo una maggiore attenzione e consapevolezza dei rischi e lavorando per il miglioramento continuo degli standard di Health & Safety (H&S) e inserendo nei contratti specifiche clausole. Pertanto, i fornitori, nelle aree merceologiche considerate a rischio (lavori, manutenzioni, forniture in opera) vengono valutati su specifici indici infortunistici, politiche legate alla sicurezza sui luoghi di lavoro, il rispetto delle normative igienico-sanitare, il turnover, programmi di formazione in materia, grado di obsolescenza di impianti e macchinari, e così via (si veda il capitolo “Salute e sicurezza sul lavoro”).

I processi alla base del sistema di approvvigionamento di Enel

Il sistema globale di qualificazione dei fornitori di Enel consente un’accurata valutazione delle imprese che intendano partecipare alle procedure di approvvigionamento e rappresenta:

  • una garanzia per Enel, poiché costituisce un elenco aggiornato di soggetti con accertata affidabilità cui attingere;
  • la possibilità, nel rispetto delle norme vigenti in materia, per i fornitori, di essere interpellati nelle gare di approvvigionamento indette dalle società del Gruppo.

Il processo di qualificazione richiede, anche in ossequio alla normativa vigente in materia, la presentazione di una serie di documenti (autocertificazioni circa il possesso dei requisiti di ordine generale, bilanci, certificazioni ecc.) e, tra l’altro, l’adesione ai princípi espressi dal Codice Etico, dal Piano Tolleranza Zero alla Corruzione e dal Modello 231, alla Policy Diritti Umani, ai dieci princípi del Global Compact con specifico richiamo all’assenza di conflitto di interessi (anche potenziale). Alla totalità dei nuovi fornitori qualificati è stata richiesta, in fase di formalizzazione del contratto, specifica documentazione che attesti la regolarità contributiva (impatto sulla società). Il 49% dei nuovi fornitori qualificati nel 2015, che operano in settori considerati a rischio, è stato valutato tenendo in considerazione anche criteri legati alle pratiche di lavoro, performance di sicurezza (tra cui indici infortunistici), politiche legate alla sicurezza sui luoghi di lavoro, certificazioni OHSAS o equivalenti ecc. Inoltre, per i settori di attività a elevato impatto ambientale (a cui corrisponde il 15% dei nuovi fornitori qualificati nel 2015), nei requisiti di qualificazione è valutata la performance ambientale del fornitore, e, dove necessario, richiesta l’attuazione di un sistema di gestione ambientale conforme allo standard ISO 14001. Per alcune categorie merceologiche relative all’area Mercato sono previsti requisiti specifici in relazione agli aspetti di valutazione legati al turnover del personale e alla formazione. Le imprese inserite in Albo Imprese Qualificate Enel vengono inoltre costantemente monitorate, anche attraverso l’utilizzo di Banche Dati Esterne, relativamente a eventi a carico della società e dei principali esponenti (affidabilità economico-finanziaria, procedure amministrative a carico della società o degli esponenti), regolarità contributiva, procedure penali.

Requisiti di onorabilità

Nel 2015, sono state identificate e attualmente in fase di applicazione nuove pratiche operative in tema di verifiche sui “Requisiti di onorabilità” dei fornitori, finalizzate a consolidare il sistema di controllo esistente attraverso una più incisiva azione di contrasto alla corruzione e in particolare mediante:

  • la determinazione di specifici criteri di verifica documentale dei requisiti legali e di onorabilità, omogenei e applicabili al processo di approvvigionamento (dalla fase di qualificazione all’affidamento del singolo contratto);
  • l’identificazione di modalità operative di verifica, tese al potenziamento degli strumenti di prevenzione disponibili e volti a incidere in modo razionale, organico e determinato sulle occasioni della corruzione e sui fattori che ne favoriscono la diffusione;
  • la promozione di una diffusa cultura del rispetto delle regole e dell’etica.

Il rafforzamento delle verifiche relative al possesso dei suddetti requisiti, sia nella fase di ammissione al Sistema di Qualificazione e mantenimento della relativa idoneità sia in fase di affidamento, si è focalizzato in particolar modo su specifici gruppi merce/contratti ritenuti maggiormente sensibili.

Enel ha inoltre definito specifiche clausole contrattuali, aggiornate periodicamente per tenere in considerazione i diversi aggiornamenti normativi e allinearsi alle best practice, e inserite in tutti i contratti di appalto di lavori, servizi e forniture. In particolare, le Condizioni Generali di Contratto si compongono di una Parte Generale, contenente le clausole applicabili in tutti i Paesi, cui si aggiunge una serie di Annex Paese, contenenti le clausole specifiche applicabili in ciascun singolo Paese di riferimento. Attualmente gli Annex utilizzati sono 15 (Annex Italia, Spagna, Portogallo, Cile, Perù, Colombia, Brasile, Romania, Slovacchia, Russia, Argentina, Guatemala, Panama, Messico, Costa Rica). Con dette clausole contrattuali, Enel richiede, tra l’altro, ai propri appaltatori e subappaltatori l’adesione ai dieci princípi del Global Compact delle Nazioni Unite, il rispetto e la protezione dei diritti umani riconosciuti a livello internazionale, nonché il rispetto degli obblighi etico-sociali in tema di contrasto del lavoro minorile e tutela delle donne, parità di trattamento, divieto di discriminazione, libertà sindacale, di associazione e di rappresentanza, lavoro forzato, sicurezza e tutela ambientale, condizioni igienico-sanitarie e altresì condizioni normative, retributive, contributive, assicurative e fiscali. Sono poi previsti impegni contrattuali per gli appaltatori e subappaltatori di Enel finalizzati ad attuare condotte contrarie a qualsivoglia forma di corruzione ed estorsione e ad attuare comportamenti preventivi volti a non pregiudicare l’ambiente, favorendo iniziative che promuovono una maggiore responsabilità ambientale e lo sviluppo e diffusione di tecnologie che rispettano l’ambiente.

Allo scopo di garantire il rispetto dei suddetti obblighi e verificarne costantemente lo stato di adempimento, Enel ha anche la facoltà di effettuare attività di controllo e di monitoraggio dei propri appaltatori e di risolvere il contratto in caso di violazioni.

 

Alla procedura di qualificazione fa da completamento il sistema di Vendor Rating, volto a effettuare un monitoraggio delle performance dei fornitori su correttezza dei comportamenti in sede di gara, qualità, puntualità e Sostenibilità nell’esecuzione del contratto. L’indice di Vendor Rating può essere usato come elemento di valutazione per inviti a gara e per il prosieguo di rapporti contrattuali nel rispetto della normativa vigente.

Attraverso tali procedure di monitoraggio e valutazione, Enel instaura un dialogo continuo con i fornitori, con scopo collaborativo e non sanzionatorio, che porta alla segnalazione delle criticità e carenze riscontrate e alla condivisione di azioni di miglioramento. Nella quasi totalità dei casi infatti la performance dell’impresa migliora e il rapporto di lavoro con Enel prosegue con reciproca soddisfazione.

G4-12 G4-DMA LA G4-LA15 G4-DMA HR G4-HR4 G4-HR5 G4-HR6 G4-HR10 G4-HR11 G4-HR12

NUMERO DI FORNITORI VALUTATI IN VENDOR RATING CHE PRESENTANO UN CONTRATTO IN ESSERE NEL CORSO DEL 2015

SEGNALAZIONI DI SITUAZIONI CRITICHE

PERCENTUALE DI FORNITORI

Global PortalOne

Nel mese di gennaio 2015 è stato attivato un punto unico di registrazione globale per il fornitore e per tutte le società del Gruppo Enel, una sola interfaccia per tutto il mondo del global procurement.

Questa nuova funzionalità consente immediatamente al fornitore, utilizzando la propria univoca username e password, di interagire con tutte le società del Gruppo Enel attraverso il cruscotto globale (denominato “myHome”) e di utilizzare tutti i servizi disponibili: rispondere agli inviti a gara, gestire il proprio processo di qualificazione, visualizzare i propri risultati di Vendor Rating, e così via.

Le negoziazioni online nel 2015 in Italia sono state 1.640 e hanno permesso di non stampare circa 430mila pagine riducendo l’impatto ambientale di tali attività.

Le ditte appaltatrici sono anche coinvolte in numerose attività informative e formative, come gli “Annual Suppliers’ Day” che vengono organizzati in diversi Paesi; per esempio, in quello organizzato a giugno 2015 da Enel Russia sono stati presentati i requisiti in merito a salute e sicurezza per gli appaltatori, le politiche anti-corruzione, il Codice Etico e la conformità agli standard aziendali internazionali per i fornitori attuali e potenziali (si veda anche il capitolo “Salute e sicurezza sul lavoro”).

Sviluppo e impiego di imprese locali nella regione di Istmo (Messico)

G4-EC9

Dal 2012, anno in cui sono entrati in esercizio i due impianti di Stipa Nayaa e Zopiloapan nello Stato di Oaxaca, in Messico, Enel Green Power ha fornito opportunità di impiego nelle attività O&M a circa 10 aziende locali, favorendo il loro sviluppo e contribuendo così al coinvolgimento economico e sociale di circa 50 famiglie dello Stato di Oaxaca. Le imprese locali sono state coinvolte in attività di manutenzione di base degli impianti e nei servizi generali (per esempio, la vigilanza, i servizi di acqua potabile, la manutenzione delle strade e le opere civili in sito).

Green Procurement

G4-DMA EN G4-EN33

Il Sistema di Gestione Ambientale di Enel Italia comprende, in Italia, anche attività di “green procurement” ossia di approvvigionamento di prodotti e servizi con particolare attenzione all’ambiente rispetto ad altri utilizzabili allo stesso scopo. In particolare, sono stati introdotti requisiti ad hoc (relativi a consumi energetici, uso di acqua, consumo di materie prime e sostanze pericolose, uso e recupero di imballaggi, emissioni inquinanti e rumore, riciclo/riuso del rifiuto prodotto) nelle specifiche tecniche di acquisto per indire nuove gare “green”. Il green procurement contribuisce anche a incrementare l’acquisto di materiali di riciclo.

Enel si prefigge l’obiettivo di aumentare le tipologie di beni e servizi “green”, sia applicando nuovi criteri ecologici anche a ulteriori aree geografiche, sia adottando marchi ecologici internazionali continuamente aggiornati (Ecolabel, Nordic Swan, Blue Angel ecc.).

Nel 2015 il totale degli acquisti “green” in Italia è stato pari a 807,5 milioni di euro (663 nel 2014). In particolare, in tale valore rientrano gli acquisti relativi ai 24 gruppi merceologici identificati come green (circa 244 milioni di euro) e le gare aggiudicate a fornitori in possesso di certificazioni di prodotto, di sistema di gestione ambientale o con certificazione in corso (circa 564 milioni di euro). L’incremento rispetto al valore del 2014 è sostanzialmente riconducibile all’inserimento di 3 nuovi gruppi merceologici: lavori di demolizione grandi impianti, lavori su impianti di bassa e media tensione e cabine primarie complete.

Codice Gruppo merciGruppi merceologici “green”Contrattualizzato mil euro% sul totale
FEAP01 Accumulatori al piombo ed ermetici 3,0 1,2%
FETR15 Trasformatori e autotrasformatori MT/BT in olio 0,4 0,2%
FETR16 Trasformatori e autotrasformatori MT/BT in resina 0,4 0,1%
FHPC02 Ammoniaca 4,2 1,7%
FIHC01 Dispositivi di storage (Dischi magnetici e Librerie di backup) 3,0 1,2%
FIHD04 Personal Computer (Desktop, Notebook e Palmari) 10,1 4,1%
FOCA02 Cancelleria, stampati, cartotecnica, cartucce toner, materiali e accessori per informatica 0,4 0,1%
FOMO05 Mobili e arredi per ufficio 2,0 0,8%
FOPA03 Fornitura di articoli pubblicitari e promozionali 0,1 0,1%
LCCC04 Demolizione di edifici di tipo civile 4,4 1,8%
LCCC20 Lavori di demolizione di grandi impianti 1,1 0,4%
LELE05 Lavori su impianti MT/BT 114,2 46,7%
LESC01 Cabine primarie complete (opere civili ed elettriche) 19,3 7,9%
LIOP02 Gallerie, canali e opere idrauliche – costruzione e manutenzione 10,5 4,3%
LMIS01 Coibentazione e scoibentazione e noleggio in opera di ponteggi 1,5 0,6%
LMTS04 Verniciature industriali 1,3 0,5%
MCMO08 Servizi di manutenzione ordinaria di edifici civili 0,7 0,3%
MMIM18 Esercizio e manutenzione di impianti eolici. Interventi specialistici su aerogeneratori 5,6 2,3%
MMPI02 Pulizie e lavaggi industriali 5,7 2,3%
SLPI04 Pulizie Civili - trasporto, movimentazione merci/materiali e facchinaggio 1,0 0,4%
SLRA51 Gestione mense, bar aziendali e fornitura di ticket restaurant 14,6 6,0%
SLTR28 Trasporto e movimentazione merci/materiali e facchinaggio 21,8 8,9%
SRTS21 Trasporto smaltimento rifiuti speciali non pericolosi 12,6 5,2%
SRTS22 Trasporto smaltimento rifiuti speciali pericolosi 6,6 2,7%
Totale complessivo 244,4 100,0%